La guerra

Stagione Teatro di Pergine

Mercoledì 06 febbraio 2019 - ore 20.45
Giovedì 07 febbraio 2019 - ore 20.45
(Fuori Abbonamento)

Regia SIMONE TONI
con GIUSEPPE AMATO, CHIARA BENEDETTI, GIANNI BISSACA, FEDERICA CASTELLINI, DENIS FONTANARI e CHRISTIAN RENZICCHI
Luci LUCA DE MARTINI DI VALLE APERTA
Scene CRISTIAN ZURITA
Direzione Tecnica FEDERICA RIGON
Consulenza Drammaturgica SIMONE FALOPPA
Aiuto regia SARA TROIANI
Distribuzione ELISA D’ANDREA
Organizzazione CRISTINA PAGLIARO
produzione ariaTeatro 2019 
NOTE DI REGIA
 
Goldoni in questo testo dimostra non solo di aver brillantemente avviato la riforma del teatro italiano, ma anche di aver fatto un balzo nel '900 di non poco conto. In questa commedia si respira una suggestiva atmosfera brechtiana in cui agiscono i personaggi goldoniani, quasi sorpresi nel ritrovarsi altrove. Altrove si, perché “la guerra” è qui intesa come un territorio emotivo, un non/luogo in cui la paura della morte accelera le passioni e paradossalmente la voglia di vivere e la fame di piacere. Questo ci autorizza a immaginare uno spettacolo vivo dal ritmo vorticoso in cui i personaggi devono vivere le loro vicende sulla scena perché non sanno se sopravviveranno dietro le quinte dove imperversa appunto la guerra. Le virtù e le miserie dell’Uomo sono così messe a nudo in modo molto più violento rispetto ad altre commedie più accomodanti, proprio perché c’è una necessità superiore che le guida e solo la pace, che arriva inaspettata, come la quiete dopo una tempesta, porterà respiro a un mondo che sembra destinato a combattere per sempre. Simone Toni

 
                                                          

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici per archiviare informazioni che verranno riutilizzate alla successiva visita del sito. Può conoscere i dettagli cliccando su "Informativa". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni clicca qui.

  Accetta e prosegui.