Musica e… memoria

Sabato 18 ottobre 2014

ore 17 Le canzoni della guerra incontro con Quinto Antonelli
ore 18 e 20.30 L'Angelo del soldato - opera multimediale
di Carlo Casillo e Mariano De Tassis
ore 19.30 Degustazione a cura di Slow Food Valsugana Lagorai
Acquista online

Quinto Antonelli parla delle canzoni della guerra, con particolare attenzione ai temi tradizionali rielaborati nello spettacolo “L’Angelo del soldato” e presenta la Nuova Collana Scritture di Guerra a cura della Fondazione Museo storico del Trentino.
Quinto Antonelli è ricercatore presso il Museo storico del Trentino. È stato tra i fondatori della rivista storica “Materiali di lavoro” e dell’Archivio della scrittura popolare di cui ora è responsabile. Si occupa delle forme autobiografiche della gente comune, dei processi di alfabetizzazione, della storia culturale della Grande Guerra.

L’Angelo del soldato è un'opera multimediale di Carlo Casillo e Mariano De Tassis, in doppia replica alle 18 e alle 20.30
con Valerio Bazzanella voce / tastiere
Lisa Bergamo voce
Corrado Bungaro violino / nyckelharpa / cori
Carlo Casillo chitarre / mandolino / armonica / campionamenti / cori
Mariano De Tassis voce recitante / percussioni
Rivisitando note canzoni popolari di guerra, si propone una forte esperienza sensoriale sul tema, con particolare attenzione alla figura dell’uomo-soldato. La musica e i canti si combineranno con effetti speciali, sound design, documenti sonori originali, testi in italiano e tedesco, dialoghi, immagini video rielaborate. Un visionario ed evocativo caleidoscopio percettivo sensoriale.

 

 

 
                                                          

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo cookie tecnici per archiviare informazioni che verranno riutilizzate alla successiva visita del sito. Può conoscere i dettagli cliccando su "Informativa". Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni clicca qui.

  Accetta e prosegui.